Emma Marrone, inseguimento con i carabinieri nella notte: "Mi sa che sono fregata"

Emma Marrone è stata inseguita dall'auto dei Carabinieri nella notte dopo aver lasciato la tappa dell'Ariston. La cantante ha fotografato il tutto e condiviso un'immagine su Instagram di quello che è successo per scalare la classifica di FantaSanremo: "Raga, quanto vale la quest dei Carabinieri a FantaSanremo? Perché so di aver sbagliato e devo fermarmi anch'io", le parole dell'artista sui social . L'inseguimento ricorda molto quello che Orietta Berti ruppe il coprifuoco l'anno scorso quando fu inseguita da tre auto della polizia, anche se le ragioni di questa volta potrebbero essere del tutto diverse, in realtà all'Ariston · Ariston Emma sul palco dell'Ariston Emma è guidata da Martina Pigliapoco, un agente di polizia militare in servizio presso la stazione di San Vito di Cadore Alma in provincia di Belluno, Veneto.

La donna ha anche raccontato la sua storia incredibile su invito di Amadeus, quando è stata scelta per il ruolo di salvare una donna che stava per suicidarsi lo scorso ottobre. Le sue gesta eroiche le valsero il titolo di Cavaliere dell'Ordine della Repubblica Italiana "per il coraggio e la sensibilità con cui svolse i suoi doveri". Secondo Biccy, Emma e Pigliapoco si sono detti felici di incontrarsi sul palco, quindi non è da escludere che stia inseguendo la cantante pugliese al volante di un Carabinieri.

Insomma, non c'è un vero inseguimento ufficiale, ma bastano 50 punti a FantaSanremo. La norma, infatti, prevede che gli artisti braccati dalla polizia durante la settimana del festival possano portare a casa +50 punti (e il doppio del montepremi se l'artista viene arrestato). Emma Marrone ha fatto il suo debutto al festival come concorrente la seconda notte del festival, cantando la sua canzone "Every Time It's Like This" con un testo che diceva: "It's Every Time We Are Holy or Bitch Son.

E tu non vuoi restate qui o addirittura scappate", come chiarisce Emma, ​​"sottolineando che queste non sono relazioni tossiche, ma complesse. Tanti amici stanno insieme nella bolla del romanzo, non da soli". Il gesto femminista vaginale che ha accompagnato il particolare passaggio ha sconvolto Ariston e il pubblico sui social, che ancora una volta ha apprezzato il modo in cui Emma si è dedicata alla causa del gender.

Tuttavia, i suoi gesti inizialmente non furono capiti. In molti credono infatti che il cantante pugliese sia di scena all'Ariston. Infatti il ​​gesto di puntare il dito su o giù verso la vagina in modo stilizzato rappresenta la vulva.

Il gesto è diventato popolare durante le proteste per l'uguaglianza e i diritti delle donne negli anni '70, sebbene le sue origini esatte rimangano incerte. Sembra sia stato utilizzato per la prima volta da Giovanna Pala nel 1971 in una conferenza a Parigi che affrontava in modo evocativo la violenza contro le donne. La verità è che, al di là delle nobili intenzioni, un dettaglio dello statuto di FantaSanremo 2022 solleva alcuni interrogativi: una "dichiarazione, gesto o simbolo filo-femminista" vale +10 punti in Ariston.

Lascia un commento