Rihanna, la prima foto col pancione: ecco chi è il padre (FOTO)

Rihanna è incinta. Ed è felice di gridarlo al mondo. Nelle ultime foto catturate dai paparazzi, la cantante e imprenditrice è vestita con un cappotto rosa shocking rigorosamente sbottonato sul ventre, mostrando così un bel pancione grosso. Al suo fianco c'è il suo compagno, il rapper Asap Rocky, con il quale ha instaurato una relazione da circa due anni.

Nelle foto, l'artista delle Barbados cammina sorridente e rilassata con il padre del suo primo figlio. Lo sguardo è sereno e il piumino si apre su una pancia rotonda, suggerendo che la gravidanza sta giungendo ormai al termine. Non ci sono ancora stati annunci ufficiali da parte della coppia, né sono stati forniti ulteriori dettagli sul nascituro: non si conoscono ancora il sesso o il mese di nascita, ma ci sono indicazioni che la cicogna arriverà in primavera. Il nome scelto per il bambino è ovviamente altrettanto top secret.

 

Rihanna e Asap Rocky si conoscono dal 2013 e sono stati amici e colleghi per molto tempo. Prima che l'amore sbocciasse tra loro, lei è stata la protagonista del videoclip di Fashion Killa e in seguito ha voluto che il rapper fosse una testimonial della sua campagna per Fenty Skin. La loro storia è stata a lungo tenuta lontano dai riflettori.

Rihanna è incinta: passeggiata e foto con il pancione e A$AP Rocky - Tag43

 

Ecco chi è Asap Rocky. Nato nel 1998, il rapper, modello e produttore discografico statunitense è un membro del gruppo hip hop Asap Mob. Note le sue idee vegane. Prima della sua relazione con Rihanna, la vita di Asap è stata molto turbolenta. Nel 2012, il rapper è stato arrestato con l'accusa di aver aggredito un uomo dopo che quest'ultimo avrebbe lo avrebbe visto usare droghe illegali fuori da un negozio di abbigliamento di New York. Successivamente, nell'agosto 2013, è stato accusato di aggressione, ma il caso è stato archiviato e la causa risolta nell'aprile 2015.

Un nuovo arresto ha luogo nel 2019 a Stoccolma, in Svezia, con l'accusa di aver aggredito un uomo. Il 26 luglio è stato accusato di aggressione e tenuto in custodia per un mese in attesa del processo. Il 2 agosto esce dal carcere: il procedimento di primo grado dinanzi al Tribunale di Stoccolma si conclude con una pena detentiva di sei mesi con sospensione della pena.

Lascia un commento