La confessione shock di Clementino: "Ho toccato il fondo"

All'albo c'è Clemente Maccaro, ma per i suoi fan c'è solo Clementino, uno dei rapper più importanti del nostro Paese, e sicuramente uno dei migliori. Ciascuno dei suoi testi viene dal suo paese, dall'Italia, ma anche dalla natia Avellino, di cui è molto orgoglioso: dai ritmi sincopati e dai suoi testi, ogni sua canzone viene ripetuta ancora e ancora Walked around Italy. Sud al suono della musica.

La sua fama è cresciuta esponenzialmente anche partecipando alla trasmissione Rai "The Voice Senior" condotta da Antonella Clerici come vocal coach al fianco di Gigi D'Alessio, Orietta Berti e Loredana Bertè, anche grazie al suo sodalizio nell'aiutarli (o farli incontrare) usato come cavia) il suo collega cantante. Nato ad Avellino nel 1982, si è esibito per la prima volta a Sanremo con un'altra band napoletana, gli Almamegretta, cantando "I ragazzi di Gluck" prima di tornare al festival nel 2015 con il brano "When I'm Far Away" piazzandosi al n.7, l'ultima apparizione all'Ariston Theatre nel 2017, con il brano Ragazzi fuori, ma non ha avuto il successo che avrebbe dovuto, arrivando solo al numero 16 della classifica dei big.

Ma non tutti erano bravi nella vita di Clementino, ea volte venivano accusati di essere troppo irriverenti e di fare commenti esagerati, come l'accettazione da parte di Veronica Gentili del "buono o cattivo" Cattivo intervista allo spettacolo: Parlare di se stesso per intero, senza risparmiare nulla e aggiungendo carburante alla sua reputazione. Fu durante l'intervista a questo programma che Clementino fece una confessione che lasciò tutti a bocca aperta: "Quando sono andato a vivere a Roma da solo, ho iniziato a sperimentare le droghe. Le ho provate quasi tutte.

Ma quando non mi sono fatto vivo per la mia demo dell'album, ho toccato il fondo e me ne sono accorto. Tutti i giornalisti erano in conferenza stampa e un mio amico mi ha avvertito che non ci sarei andato. Il giorno dopo è stata miseria The Confession".

Il rapper campano ha parlato anche di spesa la sua giovinezza in un quartiere di periferia piuttosto pericoloso che, come tutti i quartieri di periferia, è caduto: "Il palcoscenico è la mia vita, voglio superarti prova Il disagio di vivere in un posto pericoloso solo per l'aria che si respira. Vivo in il Triangolo della Morte, Nora è al centro tra le province di Caserta, Acerra e Sestigliano, vedo molte persone sono morte di cancro e chissà quali rifiuti speciali vi sono sepolti, forse non tutti sanno che il rapper ha un amore sconfinato per teatro, quindi ha recitato in alcuni film: All Night per la regia di Gianluigi Sorrentino Long (2015), La Giorno dei Buffoni (2015) di Brando Improta, Zeta - A Hip Hop Story, per la regia di Cosimo Alemà (2016), Too Neapolitan, regia Gianluca Ansanelli (2016), Natale a Roccaraso, di Mauro Regia Russo (2018), Cobra non è, regia Mauro Russo (2020), Emotional material, regia Sergio Castellitto Leggi anche: Barbara D'Urso su di lei successore: "Io non... ..."

Lascia un commento