Smog oltre i limiti, scattano i divieti

Il PM10 è operativo in Lombardia a tal punto che domani a Milano e nelle sue province verranno varate misure temporanee anti-smog di primo grado, come previsto dalla legge. Ieri infatti il ​​PM10 ha raggiunto i 50 µg/m³, con una media provinciale di 77,4 µg/m³. E di certo oggi, a causa dello sciopero generale dei mezzi di trasporto, di certo non ha aiutato.

Si è tenuto conto anche delle previsioni meteo per i prossimi giorni, che sembrano favorire un ulteriore accumulo di inquinamento. Da qui i divieti.Per quanto riguarda la circolazione, le restrizioni anti-smog vengono avviate nei comuni con più di 30.

000 abitanti e in quelli che partecipano su base volontaria alle fasce 1 e 2. In tal caso, le vetture della classe fino a 4 euro Diesel non può essere usato. compresi quelli dotati di filtro antiparticolato dalle ore 8.

30 alle ore 18.30, oltre a quelli già soggetti a restrizioni permanenti Per quanto riguarda le attività nel settore del riscaldamento e dell'agricoltura, le restrizioni si applicano a tutti i comuni del voivodato interessati dall'uso continuativo di calore domestico da generatori a biomasse legnose - nel caso di impianto di riscaldamento alternativo - con emissione minore o uguale a 3 stelle e limite di 19 gradi di temperatura interna, con tolleranza di 2 gradi. A causa delle restrizioni agricole, è vietato lo spargimento di escrementi animali, fatta eccezione per l'iniezione diretta o l'interramento immediato.

Altri divieti si applicano a qualsiasi combustione all'aperto come detriti vegetali, fuochi rituali, barbecue e fuochi d'artificio. - New Media Enterprise S.r.

l. Azionista Unico - Sede Legale: Viale Tito Livio, 60 - 00136 Roma tel. 06/4121031 Fax 06/41210320 - P.

IVA 10520221002 Sede legale presso il tribunale di Milano al n. 225/2008 Direttore Responsabile: Stefano Pacifici - Amministratore Delegato: Alessandro Tozzi - Coordinatore Editoriale: Salvatore Puzzo - Coordinatore Pubblicità: Stefano Piccirilli - Direttore di Produzione: Graziano Staffa

Lascia un commento