“Ci ha messo la mano proprio lì”: Rita Dalla Chiesa, il triste annuncio

La conduttrice Rita Dalla Chiesa ha detto di essere stata molestata. "Mi stava mettendo le mani addosso", ha dichiarato la figlia del generale Dalla Chiesa. Una storia terrificante che ha letteralmente catturato il pubblico.

In realtà, nessuno si aspetterebbe una simile confessione. Di seguito le parole della conduttrice. (Continua dopo la foto…) Rita Dalla Chiesa è una delle più famose conduttrice e giornalista televisiva italiana.

È la figlia del generale Carlo Alberto Dall Chies, vittima della mafia. Ha esordito in televisione nel 1983 dirigendo Vediamoci sul due. Ha poi lavorato intensamente con Fabrizio Frizzi, divenuto poi suo marito nel suo secondo matrimonio nel 1992.

Prima di allora, la donna era sposata con Roberto Cirese, dal quale ha avuto una figlia. Giulia. L'apice del successo è stato raggiunto dalle trasmissioni televisive su Rete 4”.

Dalla Chiesa ha preso il posto di Katarzyna Spaak nella quarta edizione del programma nel 1988 e lo ha condotto fino al 1997, tornando nel 2003 e mantenendo la gestione fino al 2013. Negli ultimi anni si è dimessa dal ruolo di conduttrice e ha assunto il ruolo di opinionista. Di recente, durante un'intervista televisiva, si è concessa una confessione davvero clamorosa e triste.

La conduttrice ha raccontato le molestie che ha subito nella sua vita. (segue dopo la foto...) Rita Dalla Chiesa, intervistata da "Live Life" di Alberto Matano su Rai 1, ha raccontato una puntata del suo passato: "Ho preso tante misure e c'era sempre chi ti dava una pacca sul sedere e tu sei andato via perché provavi un senso di spiacevolezza e di intima vergogna, come se fosse colpa mia se qualcuno mi ha messo le mani addosso”. Per questo la giornalista e conduttrice si è sentita molto vicina alla giornalista Greta Beccaglia, molestata in diretta tv da un fan. Dalla Chiesa ha quindi affermato di aver sentito la stessa situazione da giovane, ma ha anche voluto spiegare la differenza fondamentale tra molestie e violenza.

Il giornalista ha spiegato che lo schiaffo che ha ricevuto il giornalista non era paragonabile alla violenza: "Le molestie sono qualcosa che ricordi ancora, che ti dà ancora fastidio, ma è diverso".

Lascia un commento