Alessandro Gassmann, Lojacono e Balestra a confronto

Oltre cinque milioni di telespettatori (25,3% di share) hanno seguito il debutto di ieri su Rai Uno "Un Professore", novità con Alessandro Gassmann. L'attore e regista romano è, a posteriori, uno dei volti cardine di questa prima parte della stagione della fiction italiana 2021-22, in particolare quella prodotta per il servizio pubblico: infatti, prima di assumere la cattedra di professore di filosofia , è tornato a vestire i panni del commissario Giuseppe Lojacono nella terza stagione de "I Bastardi di Pizzofalcone" e, a sorpresa, tra le due figure spicca più di un parallelo. "Il Professore", sei puntate a settimana in onda ogni giovedì, condivide il regista Alessandro D'Alatri de "I Bastardi di Pizzofalcone".

il terzo capitolo della saga nata dal romanzo di Maurizio De Giovanni ha lasciato la cabina di regia nelle mani della collega Monika Vullo. Sia Giuseppe Lojacono che Dante Balestra, pur svolgendo due diversi lavori (uno è ispettore di polizia, l'altro professore di filosofia) oltre a un traduttore e una rete televisiva dove vengono trasmesse le loro storie, condividono di portare con sé un "scomodo" passato, una macchia che ne ha condizionato le scelte successive. E, in modo abbastanza suggestivo, il passato dei due trova un legame comune a Napoli: Lojacono vi fu trasferito dalla Sicilia quando fu ingiustamente accusato di essere un informatore della criminalità organizzata, Dante invece dovette lasciare la città del sole per tornare a Roma , dopo aver favorito un ex studente accusato di aver sparato a un uomo.

Il legame, quello con Napoli, che Alessandro Gassmann - cittadino onorario di Napoli dal 2018 - condivide con i suoi eroi ("Penso che Napoli sia ormai la capitale culturale della nostra patria, è una città che sa cosa vuol dire sacrificio (.. .) accoglie, sorride, e supera con orgoglio le mille difficoltà che da sempre lo attraversano. Napoli resta nel cuore perché umanamente vicina") e cementata anche grazie alla collaborazione artistica con Maurizio De Giovanni, autore non solo di Bastardi, ma anche Il Silenzio Grande, pièce da cui Gassmann (che aveva già diretto un adattamento di De Giova lat su Qualcuno Volò sul Nido del Cuculo) trasse il suo omonimo terzo film da regista per il cinema, presentato alle Giornate degli Autori dell'ultimo Festival del Cinema di Venezia, entrambi personaggi interpretati da Gassmann in questa serie televisiva di questa stagione, sono divorziati, ma hanno un rapporto quasi diametralmente Interferisce con la sua vita privata, Simone Balestra (Nicolas Maupas) è in aperto conflitto con il genitore, sempre assente quando ne ha più bisogno, e che se non bastasse, oggi deve prendersi cura della sua condizione anche come professore di il magistrato Laura Piras (è arrivata al finale della terza stagione di Bastards sul punto di non ritorno) mentre altri si crogiolano nel singolo di Cas anova e godono dell'influenza che sa di avere sulle donne.

Durante la prima puntata de "Il Professore" abbiamo visto, ad esempio, che un collega di matematica, anche lui vicino al matrimonio, non era assolutamente indifferente al fascino del nuovo arrivato. Ma tra le tante donne che ruotano intorno a Balestri, ce n'è una che può farlo capitolare, ammalarsi d'amore, per citare Roland Barthes (tra i filosofi citati nella serie): questa è Anita () la madre single di Manuel, una delle figlie di Dante discepoli che condivide un segreto con lo spettinato prof.

Lascia un commento