Just Eat compie dieci anni in Italia e assume duecento candidati

Buon compleanno, mangia e basta. L'azienda segue l'evoluzione da start-up a leader di mercato nel digital food delivery, il settore e-commerce più dinamico in Italia, con +59% per 1,5 miliardi nel 2021 Just Eat Takeaway.com, leader nel mercato del food delivery con domicilio delivery, celebra il 10° anniversario del suo arrivo in Italia, Paese chiave per il Gruppo, e annuncia investimenti e progetti volti a consolidare la presenza e il valore generato in questo territorio creando nuovi posti di lavoro, introducendo il delivery in nuove città e aumentando l'offerta di ristoranti Milano.

L'obiettivo è migliorare il servizio complessivo, fornire un'esperienza migliore ai ristoranti e ai clienti partner, aumentando al contempo il coinvolgimento dei dipendenti. Il servizio clienti interno sarà infatti basato sulla nuova sede di Milano, De Castillia 23, un luogo di lavoro moderno e sostenibile che ospiterà oltre 400 dipendenti previsti nei primi mesi del 2022. Un progetto che va di pari passo con il consolidamento del modello di consegna proprietario, con oltre 6.

000 operatori assunti con contratto di lavoro subordinato con contratto collettivo nazionale di lavoro per il settore logistico, merci e spedizioni, e l'apertura di hub, logistici e organizzativi sedi dei player, prevista per l'inizio del 2022 Il piano per l'Italia prevede anche lo sviluppo dell'attività di consegna urbana, con ingresso in importanti hub come Palermo, entro novembre 2021, con un'offerta di ristorazione in aumento al 75% di copertura nazionale Il viaggio iniziato 10 anni fa a Italia quando ha fondato la propria azienda come pioniera nel digital food delivery, ospitando 200 ristoranti nel primo anno e registrando 2.000 ordini nel primo mese. Oggi Just Eat conta più di 24.

000 ristoranti, con una crescita annua del 50%, in 1.300 comuni italiani.Il settore del food delivery digitale nel 2021 ha registrato un +59% raggiungendo 1,5 miliardi, il più dinamico nell'e-commerce.

Dei circa 40 miliardi generati dall'e-commerce, infatti, cibo e generi alimentari costituiscono il 10% del totale, valutato intorno ai 4 miliardi, che sale al +38% nel 2021. In questo settore il cibo vale circa 3,6 miliardi, di cui il 42% è digital food delivery, 37% generi alimentari e 21% food and wine. Già dal 2020, il 100% delle province è stato coperto da almeno un'iniziativa di consegna di cibo e il 68% della popolazione ha potenziale accesso al servizio di consegna di cibo digitale nel 2021.

Lascia un commento