Attacco Striscia ad Ambra Angiolini: ipotesi agenzia, follower e retroscena su una telefonata di Vanessa Incontrada

Come ampiamente annunciato, nella puntata di ieri di Striscia la cronaca torna a parlare di Ambra Angiolini. Sono passati una ventina di giorni dall'attrice da parte dell'ex compagno Massimiliano Allegri, ma per la notizia satirica di Antonio Ricci la faccenda non sarebbe del tutto chiusa. Per Striscia la Notizia, Ambra Angiolini introdurrebbe una vera e propria "strategia".

cercando di volgere a proprio vantaggio il Tapiro fornito da Valerio Staffelli. Per questo, sentendo parlare di Antonio Ricci, avrebbe cercato passo passo di smontare le accuse ricevute dopo aver scontato il famoso "riconoscimento" del corrispondente Valerio Staffelli, per poi passare alla tesi della discriminazione in base al sesso , a riprova che in passato lo stesso trattamento veniva applicato anche nei confronti di alcuni uomini famosi come Stefano De Martino, Riccardo Scamarcio, Marco Borriello e Francesco Monte. un servizio che, visti i numeri, le porterebbe "50.

000 follower in più" su Instagram. E si arriva addirittura all'ipotesi strategica dietro anche un post postato dalla splendida figlia Jolanda. Ecco cosa riporta il comunicato di Striscia: Ambra è rappresentata da Notoria Lab, che si assicura sempre che i propri clienti abbiano la migliore reputazione possibile.

Secondo alcune fonti, il post in difesa della madre tradita della figlia Jolanda è apparso su Instagram poco dopo la consegna del tapiro, che insieme alle foto sarebbe stato inventato presso la sede di Notoria. Il fatto è che tutte le controversie potrebbero finire il giorno dopo la consegna del Tapir. Quando Vanessa Incontrada ha chiamato Amber e loro hanno spiegato e spiegato.

Ma Angiolini sulla sua radio in diretta e su Instagram non ha mai dato un messaggio su questo fatto. La minaccia di morte non è stata così evitata per i conduttori, Valerio Staffelli, i loro figli Classe 1984, nati a Lecce. Blogger televisivo, ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento