Luce dei tuoi occhi: il finale che tutti si aspettavano

Si è conclusa ieri sera, 28 ottobre, l'ultima puntata di Luce di tuaocchi con Anna Valle e Giuseppe Zeno, ma il finale non ha convinto quasi nessuno. Per sei episodi, la storia di Emma e della sua Alice ci ha tenuti incollati allo schermo. Tra segreti, storie d'amore e segreti di famiglia, siamo arrivati ​​alla fine degli episodi con un desiderio: scoprire una volta per tutte chi è Alice.

Episodio dopo episodio, ci siamo illusi che una delle sei ballerine che Emma Conti aveva selezionato potesse essere sua figlia. Ma alla fine nessuno dei due lo è, anche se hanno alle spalle una storia particolare che ci ha quasi fatto credere di essere vicini alla verità. Se nessuna delle sei ballerine è la figlia biologica di Emma, ​​dove sarà Alice? Questa è una domanda che noi telespettatori ci siamo posti fin dai primissimi minuti della puntata di ieri.

Non essendo Martina (Linda Pani), ci siamo letteralmente sentiti al buio nel vuoto con la povera maestra di ballo: il tutto, però, nella speranza che il mistero, seppur frettolosamente, si risolvesse nel giro di un'ora e mezza. Ma non è stato così. Il finale ci ha lasciato tutti con l'amaro in bocca.

Non solo non abbiamo saputo molto su Alice, ma pochi altri pezzi sono rimasti aperti per indagare sul famoso traffico di bambini avvenuto 16 anni prima all'ospedale di Vicenza. Handel, di cui la povera Emma, ​​a causa del fratello Roberto, è stata vittima inconsapevole. Alla fine c'è stato un nodo importante: abbiamo scoperto l'identità del vero responsabile della scomparsa di Alice, nonché dell'assassino di Luigi (Yari Gugliucci).

Roberto Conti (Luca Bastianello), giocatore d'azzardo compulsivo della sua giovinezza, in collusione con Luigi, ha preferito vendere la nipote per saldare i debiti, dedicando la sorella al dolore eterno. Tuttavia, questo non è abbastanza per noi. Il finale, così chiaramente aperto da lasciarci con l'inclusione di una nuova ballerina (straniera) che potrebbe essere Alice, non si adatta al riassunto ufficiale dell'intera fiction.

Tutto questo probabilmente per supportare la creazione della seconda stagione, che altrimenti si sarebbe potuta evitare. La luce dei tuoi occhi è stata presentata come la storia di una madre che scopre 16 anni dopo che sua figlia sarebbe morta il giorno del parto, anzi viva. Madre, interpretata da Anna Valle, che decide così di tornare a Vicenza (paese di origine) alla ricerca della ragazza.

Con una trama del genere, il segreto è chiaro: trovare Alice. Durante tutti e 6 gli episodi, noi spettatori l'abbiamo cercata, scavando nelle vite dei ballerini che Emma aveva scelto e degli scrittori per assicurarci che questa ragazza fosse finalmente trovata. Insomma, bisognava risolvere un mistero per mantenere la fede nell'astratto principale.

Ci aspettavamo tutti di capire di più su Alice, non su come è scomparsa. Come infatti è stato possibile approfondire la seconda stagione, ma la ragazza doveva essere trovata. Meritavamo di scoprire cosa gli fosse successo 16 anni prima: magari aggiungendo altre difficoltà nell'avvicinarsi alla madre, ma bisognava svelare la sua vera identità.

Quindi, non solo sembravano non sapere che pesce prendere per scrivere il finale, ma era quasi una presa in giro degli spettatori che ora devono aspettare più di un anno per la seconda stagione. Insomma, ancora una volta, la voglia di estendere le quote per puro profitto ne ha pagate le conseguenze alla storia. Una finzione basata su un mistero così ben articolato da convincerci subito di meritare un finale altrettanto articolato.

E perché no, se non avessero ucciso tutti i personaggi diretti coinvolti nel traffico di bambini, alias Luigi e il ginecologo, probabilmente la seconda stagione sarebbe finita lo stesso. Senza tener conto di altri spunti per il proseguimento di questa storia, sarebbe ancora: la storia di Martina, così come dei due misteriosi fratelli, Luca e Valentina, di cui sappiamo poco o nulla. Ma non è stato così e non ci resta che rivederli, magari aspettandone di nuovi, si spera.

Lascia un commento