Bookcity torna dal vivo per parlare del “Dopo”

BookCity Milano , l'evento dedicato al libro e alla lettura è alla sua decima edizione e si terrà dal 17 al 21 novembre di persona e in sicurezza: tutti gli eventi fisici della manifestazione saranno accessibili solo con il Green Pass e prenotazione, effettuabile a partire dall'8 novembre sul sito www.bookcitymilano.it. Fresco della pandemia e degli incontri online, l'evento torna con la parola " After " come filo conduttore: dopo la pandemia, dopo i lockdown, dopo l'arrivo delle grandi risorse della Comunità Europea. Questo è ciò che BookCity vuole chiedersi e chiede a scrittori e lettori. Oltre 1.400 eventi in programma, con più di 260 sedi; 900 classi coinvolte in 240 progetti BookCity per le scuole; 13 università e accademie milanesi che partecipano a BookCity Università con oltre 140 iniziative; più di 50 eventi e progetti BookCity per il Social.

Bookcity Papers, interviste ai grandi
Il tema di " Dopo " sarà anche protagonista del progetto BookCity Milano Papers, iniziativa nata durante il lockdown 2020 per coinvolgere autori internazionali che non poteva raggiungere Milano. Il format prevede un ciclo di interviste effettuate a distanza. Si inizia con Eshkol Nevo e Irvine Welsh (lunedì 8 novembre); Carmen Maria Machado e Guadalupe Nettel (martedì 9 novembre); Benjamin Taylor e David Leavitt (mercoledì 10 novembre); Brit Bennett e Reni Eddo-Lodge (giovedì 11 novembre); Elisabeth Åsbrynk e Olivia Laing (venerdì 12 novembre); Jonathan Lee, Ben Wilson, David Grossman, Núria Cabutí, Morgan Entrekin, James Daunt e Helena Gustafsson (sabato 13 novembre); Paco Roca, Martín Caparrós e Alejandro Zambra (domenica 14 novembre); Timothy Morton, Arjun Appadurai e Colin Crouch (lunedì 15 novembre); Abraham Yehoshua, Mircea Crescu e Allen Frances (martedì 16 novembre). Gli eventi BookCity Milano Papers saranno disponibili sul sito www.bookcitymilano.it, sul canale YouTube e sulla pagina FB @bookcitymi nelle nove serate precedenti l'evento, dall'8 al 16 novembre.

Tutta Milano coinvolta
Tanti sono i luoghi e le prospettive: al Museo del Risorgimento si parlerà ad esempio di Camillo Boito, le eroine del Risorgimento, la Massoneria, le Mani Pulite, la Regina Elisabetta, la Contessa di Castiglione, i marmi del Partenone. Ma si parla anche di diritti umani, a cominciare da quanto sta accadendo in Egitto, mentre la Casa della Memoria ricorda Piazzale Loreto; Francesco Filippi e Marianna Aprile si occupano dell'Italia coloniale, mentre l'Associazione Memorial si occupa dei Gulag. All'Arci Bellezza Giallo e Noir, ma anche alla Triennale, con Jeffery Deaver, Carlo Lucarelli, Giulio Leoni, Mariolina Venezia e Marco Vichi; mentre Massimo Carlotto, Marco Malvaldi e Alessandro Robecchi partecipano al Castello Sforzesco; Cristina Cassar Scalia, Diego De Silva alla Parenti; Stefano Jacini, Diego Lama, Raul Montanari e Ben Pastor all'Umanitaria.
Legalità e Giustizia si affrontano in Borsa, con Alessandro de Lisi, Alberto Nobili e Antonio Calabrò, Giuseppe Governale, Paolo Roversi, Federico Zatti, Matteo Zilocchi e Toni Mira, Goffredo Buccini con Piercamillo Davigo. Al Laboratorio Formentini gli incontri dedicati ai mestieri del libro e all'editoria. Si tratta anche di editoria femminista al Luiss Hub, podcast e classici alla Biblioteca Sormani, politica e attualità alla Fondazione Feltrinelli e all'Ispi.

Cominciamo al Teatro Dal Verme
Dal titolo " Riannodare volontà e ragione ", l'evento di apertura della manifestazione si svolgerà il 17 novembre alle 20.00 al Teatro Dal Verme: Amin Maalouf, uno degli intellettuali più significativi del mondo culturale e letterario europeo, riceverà il Sigillo della città dal sindaco Giuseppe Sala e sarà intervistato dal professor Nuccio Ordine. Per l'occasione lo scrittore Paolo Giordano è stato invitato a riflettere sul tema portante della decima edizione, quel " Dopo " che allude a un futuro apparentemente imminente eppure effimero; C'è anche un omaggio a Luis Sepúlveda, scomparso nell'aprile 2020 a causa del Covid, insieme alla poetessa e moglie dello scrittore, Carmen Yáñez. A condurre la serata, che avrà intermezzi musicali del pianista Guido Coppin, sarà la giornalista Marianna Aprile.

Lascia un commento