Prefettura: restano scaglionati gli orari d’ingresso a scuola

Gli orari scaglionati per l'ammissione alle scuole milanesi non subiranno variazioni. Lo ha deciso lunedì la Conferenza permanente sul collegamento tra orario scolastico e trasporto pubblico locale
che si è riunita lunedì mattina in Prefettura. Secondo i dati, oggi sono 462 gli studenti - 15 classi in totale - in quarantena sugli oltre 130mila nella Città metropolitana di Milano . Un trend costante con numeri molto bassi mentre, nello stesso periodo dello scorso anno, i casi esplodevano e papà si moltiplicava.

" E' questo il risultato delle misure adottate ma, soprattutto, della grande adesione alla campagna vaccinale anche da parte " dei bambini, ha sottolineato la Prefettura, " Motivi motivati ​​di cautela portano a mantenendo lo scaglionamento dei ricoveri in due fasce orarie, anche se sono state predisposte numerose deroghe sulla base delle singole situazioni ".

Rimane un lieve rischio per la Prefettura
" La cautela è dovuta principalmente ai recenti segnali di ripresa dei casi positivi nella popolazione generale, probabilmente a causa del massiccio aumento dei test per l'introduzione di Passaporto verde obbligatorio nel mondo del lavoro, ipotesi che dovrà comunque essere verificata nelle prossime settimane ", si legge in una nota di Palazzo Diotti, " Un altro motivo è dato dal costante, seppur lieve, progressivo aumento dell'utilizzo di trasporto pubblico locale per la riduzione dello smart working, per la ripresa di fiere ed eventi, per il ritorno al servizio pubblico delle quote di trasporto sui mezzi privati ​​".

Appuntamento a metà dicembre
Il convegno ha quindi mantenuto le attuali disposizioni, fissando un appuntamento a metà dicembre per verificare l'esistenza di condizioni che possano consentire il ritorno ad un orario di ingresso unico già in questo anno scolastico, nel 2022. " Alla luce dell'analisi oggettiva dei dati sui trasporti, il 'Patto di Milano per la scuola', trasfuso nell'ordinanza sindacale che regola i tempi della città, resta fondamentale per il capoluogo - conclude la Prefettura. >.

Lascia un commento