Mowgli esiste per davvero: ecco cosa è stato scoperto (FOTO)

Zanziman Ellie è un ragazzo ruandese, il " Mowgli della vita reale ", il famoso personaggio Disney della storia de Il libro della giungla che ha entusiasmato milioni di bambini e adulti in tutto il mondo.

A A volte ciò che ci sembra impossibile può diventare realtà. Questo è senza dubbio quello che ho pensato leggendo la storia di Zanziman Ellie. Il ragazzo ha 22 anni e ha vissuto a lungo in una giungla ruandese. In seguito, aveva deciso di entrare a far parte della vita della comunità locale. Ma le cose non sono andate come sperava.

I primi tempi, per il ragazzino, non erano stati dei migliori. In effetti, era stato preso di mira dai suoi coetanei a causa delle sue caratteristiche facciali. Per mesi non ha fatto altro che sfuggire ai bulli che lo tormentavano per la sua condizione di microcefalia.

Fortunatamente, però, per Zanziman le cose stanno migliorando. Soprattutto dopo essere stato iscritto a una scuola per bambini con bisogni speciali. Ora indossa abiti puliti e nuovi ogni giorno e frequenta l'istituto locale per imparare e imparare come tutti i suoi coetanei.

Chi è Zanziman Ellie, il vero Mowgli
Zanziman Ellie è diventato famoso dopo aver mostrato su YouTube Afrimax TV andato in onda nel febbraio dello scorso anno. È un ragazzo di 22 anni con microcefalia che è stato soprannominato il vero " Mowgli ". La mamma lo considerava un " miracolo " dopo aver perso i suoi primi cinque figli in Ruanda.

Zanziman vive con la sua famiglia in Ruanda. Da qualche tempo è vittima di bullismo quotidiano dagli abitanti del villaggio in cui vive a causa dei suoi tratti somatici. La madre, infatti, ha rivelato di soffrire delle prese in giro a cui è stato sottoposto il figlio.

Come abbiamo anticipato, il ragazzo ha la microcefalia, una condizione in cui la testa di un bambino nasce molto più piccola del previsto. Una condizione che può portare i bambini ad avere difficoltà di apprendimento o disabilità fisiche man mano che crescono.

La condizione è difficile da prevedere durante la gravidanza. Viene, infatti, diagnosticata misurando la testa del bambino 24 ore dopo la nascita. La microcefalia colpisce spesso i bambini le cui madri contraggono il virus Zika.

Lascia un commento