Saman Abbas, ci sono novità: sono tutti indignati

Il caso Saman Abbas continua a essere discusso. Nonostante il sospetto sia stato catturato, rimanda il suo ritorno in Italia. Ecco cosa sta succedendo.

La storia di Saman Abbas continua a far discutere. Come sappiamo, l'intero caso è diventato internazionale dopo la scomparsa della ragazza e la partenza della sua famiglia all'estero. Con i suoi genitori in Pakistan. Un caso avvolto nel mistero e che ha recentemente ricevuto un ulteriore intoppo proveniente da Parigi.

Dopo l'arresto dello zio di Saman, tutto era pronto per accoglierlo in Italia e cercare una svolta nel caso. Purtroppo però dalla capitale francese arrivano brutte notizie. Sembra, infatti, che la decisione sull'estradizione sarà rinviata al prossimo 27 ottobre.

L'arresto dell'uomo è arrivato in Francia poco più di un mese fa. Come riportato da fanpage.it, l'uomo davanti alla Corte d'Appello di Parigi si sarebbe dichiarato innocente: " Tutto questo è falso, forse qualcuno mi ha visto? Sono uscito di casa? " Rimanendo in silenzio durante la lettura delle accuse, mostrò poi una certa perplessità per le accuse ricevute dal padre.

Saman Abbas: le ragioni del rinvio e cosa sta succedendo
Il caso si fa sempre più intricato, con lo zio che respinge tutte le accuse che gli sono state mosse. La Corte d'appello francese ha deciso di rinviare la decisione di estradizione per avere più tempo per prendere visione degli ulteriori documenti giunti dall'Italia. Da quanto hanno sostenuto gli inquirenti, il materiale sarebbe arrivato in forma francese poco prima della decisione.

Così la Chambre de l'instruction della Corte d'Appello di Parigi ha deciso di rinviare la decisione al 27 ottobre. Al momento la situazione è di attesa. Una volta concessa l'estradizione, si potrà procedere al rientro dell'uomo con le successive formalità di giustizia. Con la speranza che possa servire a dare una svolta a questo caso avvolto in tante ombre.

Lascia un commento