La Lombardia userà i droni per controllare l'inquinamento dei fiumi

Una foto " " dall'alto. Anche i fiumi Olona e Lambro, come già avviene per il Seveso, saranno monitorati dai droni. L'obiettivo, spiega la regione, " è verificare lo stato dei corsi d'acqua attraverso opportuni rilievi ", che consentiranno a " di svolgere attività di prevenzione per migliorare lo stato delle acque ".

Il via libera è arrivato nelle scorse ore, quando la giunta regionale - con una delibera proposta dall'assessore al territorio e protezione civile, Pietro Foroni - ha impegnato 150.000 euro di contributi regionali per finanziare " il censimento delle portate lunghe di questi due fiumi, sulla scia delle misure di prevenzione adottate per il bacino del Seveso ".

L'Olona si tinge di bianco, la foto postata dal sindaco

" L'attività di indagine - ha spiegato l'assessore - porterà alla realizzazione di una banca dati nei territori di questi tre fiumi. Esattamente come per il Seveso, anche in questo caso sarà previsto l'utilizzo di droni per meglio monitorare l'attività dei fiumi ed effettuare i rilievi necessari; azioni potenzialmente estensibili ad altri corsi d'acqua della Lombardia ".

" Il provvedimento - ha proseguito Foroni - conferma ancora una volta l'impegno del Comune ad investire nella prevenzione del rischio idrogeologico, attuando misure efficaci anche a livello ambientale. Regione Lombardia, come già ribadito, continua a mantenere fede alle sue promesse investendo in interventi per la difesa del suolo a salvaguardia del nostro territorio, per la mitigazione preventiva del rischio idraulico ".

© Riproduzione riservata

Lascia un commento