Licenziamenti alla Lgd: lavoratori scioperano e bloccano il magazzino

Lo sciopero non si ferma davanti allo stabilimento Unes di Truccazzano, nell'hinterland orientale di Milano. Da venerdì il magazzino è bloccato dai lavoratori in protesta, secondo Yes Cobas, che guida la manifestazione. Sul posto i carabinieri in tenuta antisommossa.

L'iniziativa si basa sull'annuncio
del licenziamento di 40 lavoratori da parte della cooperativa Lgd, subappaltatrice del gruppo Brivio & Viganò Logistics nella gestione del magazzino nei magazzini Unes di Truccazzano e Vimodrone (Milano). Sabato sera i lavoratori che hanno ricevuto il ben servito, racconta il sindacato, hanno preparato anche una cena davanti ai cancelli dello stabilimento, non potendo partecipare al picchetto, in quanto destinatari di una tabella di marcia della questura di Milano..

Il contenzioso
Negli ultimi mesi nelle fabbriche delle cooperative ci sono state diverse proteste
dei lavoratori, anche con alcuni momenti di tensione. L'azienda, con piattaforme logistiche a Truccazzano, Vimodrone e Pozzuolo Martesana, in una nota si era definita " vittima di 18 blocchi violenti di merci e persone nell'arco di 4 settimane, da parte di un gruppo di lavoratori . La decisione di lasciare a casa 40 lavoratori, scrive la coop, " è arrivata a valle di uno stato di agitazione proclamato su presunte irregolarità, che è poi toccato all'accertamento dei fatti ".

La cooperativa Lgd del gruppo Brivio e Viganò ha licenziato 40 operai dello stabilimento di Truccazzano che lavorano per Unes, che era già stato sospeso dal 23 agosto - spiega il sindacato che aveva guidato le manifestazioni, in una nota - 'colpevole' di aver scioperato il 19 e 20 agosto per l'applicazione dei contratti. Poi hanno dovuto lottare per un mese per tornare al lavoro, con la polizia che è intervenuta in forze per sgomberare i picchetti e dare via gli operai ".

" Lgd - ha continuato a replicare la sigla sindacale dopo l'annuncio degli esuberi - nelle ultime due settimane ha preteso di negoziare con il Sì Cobas in una mediazione della Prefettura, per il ritorno di lavoratori, ma alla fine ha posto l'inaccettabile condizione che si accusassero di aver fatto una lotta 'sproporzionata' e quindi di aver inflitto danni sproporzionati all'azienda per poter poi denunciarli e chiedere loro il risarcimento dei danni. Lgd vuole eliminare il Sì Cobas, il sindacato scelto dai lavoratori del magazzino Unes di Trucazzano per imporre lo sfruttamento che già esiste a Vimodrone, anche al magazzino Unes, con il cottimo e l'obbedienza della Cisl ad aumentare i propri profitti .

" Un fatto gravissimo che abbiamo appreso dai giornali ". Così il sindacato Sì Cobas aveva commentato la decisione della cooperativa Lgd di licenziare 40 persone a seguito delle numerose e accese proteste dei lavoratori che si erano svolte nei mesi scorsi davanti ai propri stabilimenti.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento