Dj Francesco denuncia: "Aggredito da Conor McGregor, mi ha spaccato labbro e naso"

Naso gonfio, labbro sanguinante. Francesco Facchinetti - il cantante e conduttore televisivo milanese noto come Dj Francesco - sarebbe stato aggredito nelle scorse ore da Conor McGregor, il combattente irlandese, 33 anni, da alcuni giorni in Italia.

Secondo quanto riportato da Dj Francesco su Instagram, tutto sarebbe avvenuto intorno alle 2.30 tra sabato e domenica all'hotel St. Regis di Roma. " mi ha dato un pugno in bocca, mi ha rotto il labbro, il naso ", ha raccontato al 41enne con storie su Instagram, in cui appare effettivamente ferito. " Senza motivazione perché abbiamo parlato per più di 2 ore e ci siamo divertiti insieme. Pensa cosa sarebbe potuto succedere, per me è andata bene ma è una persona violenta e pericolosa - ha continuato Facchinetti -. Sono stato preso a pugni per niente, quindi potrebbe andare a mia moglie, agli altri miei amici, agli altri miei amici e sarebbe potuto andare molto molto peggio ", ha detto ancora il cantante, che farà causa al pugile irlandese.

Video | Facchinetti attaccato da Conor McGregor

Facchinetti attaccato da McGregor
" La cosa che più mi rattrista, oltre ad essere uno dei tifosi di Conor della prima ora, è che i veri pugili non sono si comportano come questo. Sanno di avere pistole al posto delle mani e di certo non prendono a pugni il primo a caso davanti a loro. Avrebbe potuto buttarlo a mia moglie, a qualcuno dei miei amici in quella stanza ", poi nelle storie scriveva sempre Facchinetti.

" Sono curioso di sapere se l'hotel, che avrà sicuramente tutti i video di quello che è successo, avrà il coraggio di mostrare cosa ha fatto il signor Mcgregor e come si è comportato nelle 2 ore in cui siamo stati insieme, compresa l'aggressione. Per fortuna c'erano dei suoi amici che lo fermavano perché avrebbe continuato a picchiarmi senza motivo. Ancora una volta, potrei non denunciare e non fare nulla, ma poiché il signor Mcgregor è un recidivo di tale comportamento, spero che questo sia il momento giusto per pagarti. Confido nelle autorità e nella legge italiana. Lo abbiamo accolto come un eroe e invece è solo un bullo della peggior specie, che delusione. Avrà anche 50 milioni di followers, soldi e potere, ma non mi interessa, andrò dritto alla fine ", ha promesso Dj Francesco.

" Grazie a tutti i combattenti che mi stanno scrivendo. Questo è un gesto da condannare. Ho avuto la fortuna di lavorare in America con grandi campioni come Anderson Silva e oggi ho capito che Mr. Mcgregor non è uno di questi. Un campione non tira un pugno dal ring, un campione non si rimpicciolisce come l'ho visto rimpicciolire ieri sera. Mi dispiace per lui, ha tutto ma non ha niente. Molti mi scrivono se ho paura perché è molto ricco e molto potente. La risposta è semplice: no, non ho paura - assicura l'artista milanese -. Deve essere fermato perché è pericoloso per gli altri. Ora capisco perché aveva 20 guardie del corpo. Non per difenderlo dagli altri, ma per difendere gli altri da lui. Uno, come lui, che tira un pugno ad una persona con cui ha parlato per 2 ore, ha riso, chiacchierato di tutto: è follia. Un pugno in faccia da 20 centimetri senza motivo, senza spiegazione. Il suo cervello è diventato nero, io ero davanti a lui e lui mi ha preso. Potrebbe esserci una donna, mia moglie: è follia. Se non sai gestirti, se esageri e non riesci a fermarti: non devi uscire di casa. Quest'uomo è un'arma, va fermato al più presto perché la prossima volta finirà male. Per fortuna non sono sceso a terra, non ho sbattuto la testa sul tavolo. Ha funzionato per me. Ma cosa accadrà dopo? Lui - ha concluso Facchinetti - non riesce a vivere in una società civile ".

" Avrebbe potuto uccidere "

Anche Wilma Faissol, moglie di Facchinetti, ha raccontato sui social l'accaduto: " Siamo stati invitati all'hotel St. Regis per incontrarci Conor Mcgregor, eravamo in 10 con McGregor, le sue 4 o 5 guardie del corpo e gli altri 5 amici. Ci siamo divertiti, abbiamo parlato normalmente. Dal nulla tira un pugno in faccia a Francesco, dal nulla. Ci stava invitando ad andare ad un'altra festa e Francesco gli era vicino. Ha detto " ok allora andiamo alla festa " e gli ha dato un pugno ".

" Per fortuna era molto vicino, quindi non aveva alcuna distanza per caricare il pugno, ma poteva ucciderlo ", ha detto la donna. " Francesco è volato indietro, è caduto sul tavolo, meno male che non è caduto dalla testa. Gli amici e le guardie di Conor lo hanno tenuto contro il muro perché voleva continuare a picchiare Francesco, poi lo hanno portato via. Siamo tornati in albergo e abbiamo chiamato la polizia e l'ambulanza ".

Al momento né l'ex campione di MMA né l'hotel romano hanno ricevuto commenti in merito.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento