Chi è Niko Pandetta: età, carriera, vita privata e i problemi con la legge del cantante

Pochi giorni fa un concerto è stato cancellato perché non ha rispettato le regole anti-covid. Vediamo chi è Niko Pandetta, cantante neo-melodico catanese.

Di recente alla ribalta dopo la sospensione di un suo concerto in un locale di Catania, Niko Pandetta non è nuovo alla notizia. Prima dell'interruzione della sua diretta, il cantante era già finito sui giornali in precedenza per comportamenti non troppo inclini alla legge.

Il cantante neo-melodico, da poco passato alla trap, è stato letteralmente travolto dalle critiche dopo aver scritto e cantato una canzone dedicata allo zio Salvatore Cappello, boss mafioso in carcere dal 1993 al " 41 bis < vir>. Conosciamolo meglio.

Niko Pandetta, chi è: età e carriera
* Nome: Vincenzo Pandetta
* Data di nascita: 1991
* Luogo di nascita: Catania
* Età: 30 anni old
* Professione: cantante

Vincenzo Pandetta, in arte Niko Pandetta, nasce a Catania nel 1991. E' uno dei cantanti più conosciuti nell'ambiente neomelodico e trapper. È cresciuto nel quartiere Cibali della città siciliana. Il suo passato da detenuto e una famiglia aggrovigliata nella malavita non lo hanno aiutato durante la sua carriera. Infatti, molti dei suoi concerti sono stati cancellati.

È stato più volte al centro di polemiche, soprattutto quando ha dedicato una sua canzone allo zio Salvatore Turi Cappello, il multipregiudiziale boss catanese incarcerato al 41 bis dal 1993. Uno dei i criminali più potenti del catanese. Questa è stata la sua prima canzone pubblicata.

Niko Pandetta, vita privata: chi è la fidanzata?
Quanto alla vita privata di Niko Pandetta, questa è poco conosciuta. In effetti, abbiamo pochissime informazioni riguardo alle sue storie attuali e passate. Tuttavia, dal suo profilo Instagram, che conta quasi 70.000 follower, si percepisce che attualmente è single e non fidanzato. Guai con la giustizia
Come anticipato, negli anni Niko Pandetta ha avuto numerosi guai con la giustizia, finendo più volte in carcere, l'ultima volta nel 2016. Infatti, la sua carriera è stata spesso intervallata da continui problemi con la giustizia principalmente a causa dello spaccio di droga.

Oggi Niko afferma di essere cambiato soprattutto grazie alla musica. Inoltre, ha ammesso di non aver cantato da anni la canzone che aveva dedicato a suo zio e che non ha nulla a che fare con la criminalità organizzata.

" Sono cresciuto per strada, nella mia vita ho fatto tanti errori e li ho sempre pagati a caro prezzo - ha detto - Quando ho scritto il mio primo singolo avevo la testa altrove - continua - Oggi sono cambiato e la passione per la musica che avevo da bambino mi ha salvato dalla strada e mi ha permesso di realizzare i miei sogni ".

Lascia un commento