Atm taglia del 4% le corse: sono i 272 dipendenti “no pass”

MILANO - Venerdì 15 è dunque il " grande giorno " del pass verde obbligatorio nei luoghi di lavoro. Si prevede un disagio da parte di ATM . L'azienda ha reso noto che 272 dipendenti sprovvisti di green pass non si presenteranno al lavoro: il servizio, riorganizzato di conseguenza, porterà a un taglio delle gare di superficie di circa il 4% (mille corse su 25mila), con una conseguente aumento delle attese alle fermate, mentre l'impatto dovrebbe essere molto minore, quasi irrilevante, per le metropolitane. Non solo " no pass ", però. Atm ha registrato un aumento del 15% nelle procedure di apertura delle malattie.

Tagli Atm, Trenord no
Trenord, invece, non prevede problemi: sono 55 i lavoratori dell'azienda (di cui 37 macchinisti e capotreno) che hanno dichiarato di non avere la pass verde e che non serviranno. Né ci sono aumenti delle assenze per malattia. Stando così le cose, non ci saranno ripercussioni sul servizio, si assicura. Eventuali modifiche al servizio verranno in ogni caso comunicate attraverso i consueti canali, App in testa. Inoltre, sia Atm che Trenord hanno stipulato una convenzione con il San Raffaele per tamponi ai propri dipendenti a prezzo controllato (15 euro).

Ordine pubblico: timori in prefettura
Il capitolo dell'ordine pubblico porta da parte sua, preoccupazioni di vario genere. Giovedì si è svolto un vertice in prefettura alla presenza del procuratore antiterrorismo Alberto Nobili. Sabato le proteste da parte di No Vax o No Pass avverranno (così, almeno, preannuncia il tam tam attraverso le chat), e sarà dunque l'ennesimo sabato di passione; ma anche venerdì, che è proprio il giorno dell'entrata in vigore della tessera verde obbligatoria nei luoghi di lavoro: ritrovo alle 10 davanti al tribunale. Per sabato, invece, l'annunciato corteo dovrebbe riunirsi in piazza Fontana alle 17 per poi dirigersi verso corso Sempione, sotto la sede Rai.

Letizia Moratti: " Vaccino per oltre il 90% dei lombardi < vir>
" Regione Lombardia ha superato oggi lo straordinario traguardo del 90% degli iscritti alla campagna vaccinale: fuori 8,1 milioni di lombardi di 8.966.991 oltre 12 degli ascoltatori Istat hanno detto sì al vaccino ". A scriverlo è la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, sul suo profilo Facebook. " il 90% ha ricevuto almeno una dose, l'87% è già stato completamente vaccinato.
Siamo la prima regione italiana con 15,3 milioni di amministrazioni realizzate in soli nove mesi. Se fosse uno Stato, la Lombardia sarebbe terza in Europa dietro Portogallo e Danimarca, quarta nel mondo dopo Israele ", ha sottolineato Moratti.

Terapia intensiva: meno ricoverati. Casi zero a Como
Cala il numero dei ricoverati nei reparti di terapia intensiva (-5, a 54) e nei reparti (da -15 a 300) in Lombardia. A fronte di 66.424 tamponi effettuati, 273 sono i nuovi positivi (0,4%). I decessi sono 10 per un totale di 34.108. I nuovi casi per provincia: Milano: 100 di cui 43 a Milano città; Bergamo: 37; Brescia: 37; Como: 0; Cremona: 5; Lecco: 10; Lode: 5; Mantova: 1; Monza e Brianza: 36; Pavese: 18; Sondrio: 2; Varese: 7.

Lascia un commento