Quanto è durata la gestazione della Madonna?

La venerazione della Madonna è una parte importante della spiritualità cattolica. Così è durata la gestazione della Vergine Maria.

La venerazione e l'adorazione di Maria sono antiche quanto la stessa Chiesa cattolica. I fedeli di tutto il mondo la chiamano " la Madre di Dio " quando parlano di lei. Una designazione che è davvero alla base della venerazione cattolica romana, poiché la Madonna rappresenta il legame tra l'umanità e Dio.

Per questo motivo è venuta ad occupare un posto potente nella spiritualità cattolica romana. Negli anni ha assunto tanti volti e innumerevoli nomi. Ad esempio, c'è la Madonna di Pompei che, con la sua Supplica, attira ogni anno nella località napoletana milioni di fedeli .

Si dice, in diversi casi, che sia la promotrice di vari miracoli e molti sostengono con forza che appaia occasionalmente, soprattutto a bambini o altre persone deboli, impotenti o ai margini della società, inviare messaggi e interagire sulla terra, come nel caso della Vergine di Medjugorje .

Quanto è durata la gravidanza della Madonna? Ecco cosa dice la Chiesa
Quanto al tempo in cui è durata la gestazione della Madonna, la Chiesa cattolica non ha dubbi: nove mesi. Sembra che la gravidanza di Mary sia stata la stessa di qualsiasi altra gravidanza di una donna, con gli stessi tempi e le stesse caratteristiche.

Per questo la Chiesa celebra il 25 marzo, giorno in cui si celebra l'inizio della gravidanza della Vergine Maria. Cioè il giorno in cui mancano esattamente nove mesi al 25 dicembre, data in cui viene indicata come nascita di Gesù.

Gli artisti hanno rappresentato l'annuncio della gravidanza a Maria nei modi più disparati. Così come un'altra serie di pittori, principalmente quelli che lavorarono dalla metà del XIV secolo vicino a Firenze, dipinsero la Vergine Maria come la immaginarono mentre era incinta.

Sculture e dipinti della Madonna incinta hanno una storia molto lunga, anche prima del Rinascimento. Ma le opere più importanti e di maggior rilievo artistico sono quasi interamente confinate alla Toscana rinascimentale.

Lascia un commento