La giunta di Sala a tempi di record: 6 donne e 6 uomini

Un arrivo in 5 giorni, un vero record quello del sindaco di Milano confermato Beppe Sala che sabato ha presentato la nuova squadra. Tra gli altri registra la presenza di genere al 50%, dei 12 consiglieri metà donne e metà uomini, e due under 30. Dal punto di vista politico è composta da 6 consiglieri di quota Pd, 2 della lista Beppe Sala sindaco, 1 riformista, 1 verde e 2 tecnici.

Oltre 3 conferme e 9 notizie
Tra i nomi confermati c'è quello di Anna Scavuzzo (in quota Pd) che resterà vicesindaco e che si occuperà anche di Istruzione e di rapporti con il Comune, e Pierfrancesco Maran, ex assessore all'Urbanistica della prima legislatura di Sala e il più votato nel Pd con oltre 9mila preferenze, che passa alla Camera e sviluppo del Piano di quartiere e dovrà occuparsi del dossier con il Regione per la creazione di una nuova società per la gestione degli appartamenti pubblici in cui vivono in maniera unitaria 150mila milanesi. C'è anche Marco Granelli (Pd) che passa dalla Mobilità alla Sicurezza e dovrà occuparsi dell'assunzione di 500 nuovi vigili urbani.

Emmanuel Conte (lista civica) va a Urbanistica, Bilancio e patrimonio immobiliare. Sempre in quota dem Lamberto Bertolèsi si occuperà di Welfare e Salute e Arianna Censi, ex vicesindaco della città metropolitana, gestirà la Mobilità e che ha già annunciato alcune correzioni di rotta sulle piste ciclabili, Sulle piste ciclabili: Verrà fatto un aggiustamento migliore, tenendo conto che sono figlie di un preciso momento storico che ha richiesto una risposta rapidissima ".

Under 30 e tecnici
Gli under 30 sono Martina Riva (assessore al Turismo Sportivo e politiche giovanili) e Gaia Romani (Servizi civici). Alessia Cappello (Iv), che sarà assessore al Lavoro e allo Sviluppo Economico mentre Elena Grandi, portavoce nazionale dei Verdi, gestirà l'assessorato al Verde e all'Ambiente.

Tra i tecnici Giancarlo Tancredi, dirigente del Comune di Milano, nominato assessore alla Rigenerazione Urbana e Tommaso Sacchi, assessore alla Cultura, originario di Firenze. dove ricopriva la stessa carica ma che in realtà è milanese e aveva collaborato strettamente con l'allora assessore alla cultura Stefano Boeri, oggi presidente della Triennale, con il quale continua ad avere uno stretto rapporto.

Sorpresa per l'uscita di scena dell'ex assessore alla casa Gabriele Rabaiotti, arrivato terzo nella lista civica di Sala e fino a pochi giorni fa affidato all'Urbanistica.

Lascia un commento