Trenord, nel 2024 il primo treno a idrogeno

" Il progetto H2Iseo di Trenord e Gruppo FNM, che prevede l'entrata in servizio dei primi treni a idrogeno sui 100 km non elettrificati della linea Brescia-Iseo-Edolo già nel 2024, farà della mobilità il motore del il processo di transizione energetica ed ecologica dando vita ad una filiera dell'idrogeno in quella che diventerà la prima Hydrogen Valley italiana ". Lo ha detto Marco Piuri, Amministratore Delegato di Trenord e Direttore Generale di FNM, al convegno " La rivoluzione ecologica nel trasporto ferroviario " organizzato nell'ambito di Expo Ferroviaria 2021.

Trenord ha ordinato 14 convogli
I treni in arrivo alimentati a idrogeno al 100% si chiamano Coradia iLint , della società francese Alstom. Un treno a idrogeno invece di uno diesel riduce l'inquinamento annuo pari a 400 auto. Il problema è la produzione di idrogeno, che è molto costosa. " Attualmente la produzione di idrogeno verde da fonti rinnovabili costa 10/12 euro al kg: è un prezzo non sostenibile né compatibile con nessun modello di business, che deve scendere a 2 euro - ha detto Piuri - Interlocuzioni avviate in sede europea livello ci hanno permesso di vedere che l'approccio giusto è quello della transizione. Questo è quello che stiamo facendo in Valcamonica: prima del PNRR, prima del boom dei progetti a idrogeno, abbiamo investito 160 milioni di euro per 14 nuovi treni - i primi 6 in arrivo già nel 2023 per test e in servizio dal 2024, poi altri 8. Il treno sarà il volano per lo sviluppo di una vera e propria filiera dell'idrogeno, che si estenderà al resto della mobilità ea tutto il territorio ".

Per produrre idrogeno, steam reforming
Il primo impianto sarà nella stazione di Iseo: " Per lo stoccaggio e l'alimentazione abbiamo scelto una tecnologia steam reforming, con cattura e riduzione di CO2: è più green rispetto al verde, perché non genera emissioni, e costa la metà della produzione da fonti rinnovabili ". È un processo di trasformazione che inizia con l'utilizzo del gas naturale o del biometano.

Lascia un commento