Inseguimento folle in A1 solo per far colpo sulla ragazza

Cosmo Rombolà, titolare del Bar Chiringuito Risorgimento , è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, dopo non essersi fermato a un controllo di polizia e aver iniziato un inseguimento conclusosi a Lodi. Una corsa folle giustificata come una trovata per impressionare la sua ragazza. Intorno alle 5 del mattino, gli agenti di un volante hanno ordinato l'arresto di un'Audi Q7 in corso XXII Marzo. Il conducente del Suv ha invece accelerato in direzione fuori città. Ha quindi preso la tangenziale Est in direzione Bologna e poi ha preso la A1 dove ha sfondato la barriera del casello di Melegnano (Milano).

All'inseguimento ha sbattuto un'auto
Durante la fuga Rombolà ha sbattuto anche contro il guardrail e un'auto. All'altezza di Lodi, dopo quasi 40 chilometri di inseguimento, la fuga dell'imprenditore è finalmente finita. Controllato e perquisito, il 50enne è risultato stare bene: patente in regola, auto in regola, assicurazione pagata e nessuna franchigia con alcol e droghe. " È una trovata, volevo mostrarvi come sbarazzarsi della polizia ", è la giustificazione data agli agenti dal 50enne che era in macchina con una ragazza.

Il locale ha già chiuso per rissa
Venerdì scorso i carabinieri della questura di Vittoria-Monforte avevano notificato a Rombolà una sospensione di 10 giorni dopo una serie di questure per risse e aggressioni tra ubriachi nei pressi del ristorante.

Lascia un commento